Blog
contenuti e dati sui mercati emergenti e trend
home > Blog
 
« torna all'elenco

6 domande per capire cos’è il Temporary Export Manager

del 22/10/2018 di Tem Italia
6 domande per capire cos’è il Temporary Export Manager

Hai sentito parlare del Temporary Export Manager, magari ti hanno proposto dei finanziamenti per coprire tutto o in parte il suo costo.


Immagino ti sia documentato su cosa sia questo TEM (se non l’hai fatto trovi tutto quello che c’è da sapere sui Temporary Export Manager in questo articolo).


Se hai ancora dei dubbi, queste sono le domande che spesso ci rivolgono e le cui risposte potrebbero aiutarti nella valutazione.


  1. Conviene davvero lavorare con un Temporary Export Manager?


Per rispondere a questa domanda devi valutare se la tua azienda, per mezzo del proprio personale, ha le competenze e l’esperienza necessaria per costruire e gestire un percorso razionale di sviluppo internazionale.


Se la risposta è negativa, lavorare con un TEM significa avere accesso a tali risorse in tempi brevi e con un costo sensibilmente inferiore rispetto alla selezione ed assunzione di un manager di pari livello.



  1. Quanto costa un Temporary Export Manager?


Per prima cosa teniamo a sottolineare che il TEM non è un agente bensì un manager che costruisce e gestisce il percorso internazionale della tua azienda. Tale percorso può anche passare attraverso degli agenti per cui il TEM sarà eventualmente colui che seleziona e coordina gli stessi.

In quanto manager, il TEM percepisce un compenso fisso (ed eventualmente una componente legata ai risultati).


Veniamo al prezzo.


Devi sapere che non esiste un tariffario standard ed ogni TEM ha un suo costo orario (o costo giornata) definito in base alla propria esperienza. 


Prima della mera valutazione economica, è importante che tu riesca a valutare quanto il TEM sia in linea con la tua realtà (conosce il tuo settore? conosce i mercati obiettivo?) e quanto sia in grado di proporre un metodo ed un programma di lavoro che incontri il tuo parere favorevole e generi la tua soddisfazione (logicamente anche sul fronte vendite).

L’essere in sintonia (o in empatia) con il TEM è un aspetto fondamentale per il successo del progetto: pensaci bene, daresti mai mandato ad un professionista del quale non condividi i contenuti di progetto che ti propone?


[Per tua informazione, il Ministero dello Sviluppo Economico, con il suo “Voucher per l’Internazionalizzazione”, ha fornito una linea guida in merito a quelli che ritiene costi congrui per l’attività di un TEM, indicando 13.000 Euro come budget delle aziende per 6 mesi di progetto.]


Per valutare il progetto nella sua interezza ti consigliamo di  chiedere al TEM di aiutarti a stimare tutti i costi, quindi anche eventuali spese vive per i viaggi, costi di partecipazione a fiere, ecc.



  1. Come contrattualizzo il Temporary Export Manager?


Il TEM è generalmente dotato di partita IVA per cui, una volta avviato il progetto, riceverai semplicemente delle fatture, evitando quindi la complessità della gestione amministrativa tipica dei collaboratori dipendenti.



  1. Quanto tempo passa in azienda un TEM e quanto dura un progetto?


Se stai valutando se coinvolgere un Temporary Export Manager per migliorare le tue performance all’estero, probabilmente non puoi permetterti di assumere un Export Manager full time.


Il TEM ha un costo sensibilmente inferiore perchè divide il suo tempo (ed i suoi costi) con più aziende.


Solitamente un TEM segue 4 o 5 aziende per cui possiamo dire che in media dedicherà 1gg a settimana al tuo progetto. Ovviamente si tratta di un impegno che concorderete insieme ed il TEM dovrà essere chiaro nel rappresentare le azioni che andrà a svolgere nel tempo stabilito.


Un progetto, per portare risultati, richiede tempo e dedizione, noi sconsigliamo durate inferiori ai 6 mesi ed in generale vediamo che è dai 12 mesi che si inizia ad avere un ritorno interessante dal mercato. Ovviamente anche la durata del progetto viene concordata insieme a te e nel contratto andrete a definire anche le modalità di recesso anticipato.


Infine si apre un altro tema: il tempo che il TEM dedica alla tua azienda deve essere interamente speso presso di voi?


La nostra opinione è che quanto più tempo il TEM passerà in azienda, familiarizzando con il tuo prodotto, con le dinamiche aziendali (come vi muovete? come gestite determinate situazioni? ecc.) e con le persone, tanto meglio potrà costruire e gestire un progetto vincente.


Allo stesso tempo però crediamo che buona parte delle azioni possano essere svolte da remoto e anzi, spesso l’ufficio del TEM è molto più attrezzato rispetto allo spazio e gli strumenti che puoi mettergli a disposizione in azienda.


In sintesi ci sono delle fasi e dei momenti in cui è fondamentale che il TEM sia in azienda (start-up progetto, pianificazione strategica, organizzazione fiere/viaggi, ecc.) mentre altri in cui non è necessario: ci sono tutti gli strumenti (telefono, mail, app di messaggistica, voip, ecc.) che ti consentono di comunicare con lui ed essere aggiornato tempestivamente sui riscontri del mercato. In questo modo si possono anche ridurre i costi di trasferimento presso la tua sede.



  1. Coinvolgere un giovane, formarlo per poi assumerlo come Export Manager è una valida alternativa al TEM?


Coinvolgere un giovane, formarlo e poi assumerlo non è un’alternativa al TEM - a meno che la tua azienda non abbia già quei requisiti descritti alla domanda n.1 - bensì una buona prassi da effettuare in sinergia con il TEM. Quest’ultimo potrà gestire parte del processo formativo dello stagista, trasmettendogli quelle competenze ed esperienza necessari per gestire un percorso internazionale e delegando a lui parte delle attività operative del progetto.


 

  1. Quali risultati devo aspettarmi dal Temporary Export Manager?


I risultati attesi non devono essere esclusivamente economici (es. incremento del fatturato estero), anzi, suggeriamo di diffidare da chi promette ritorni nel brevissimo termine. I risultati economici sono benvenuti ed auspicati, tuttavia è fondamentale che il TEM ti aiuti ad acquisire un patrimonio di conoscenze dei mercati, delle loro dinamiche e degli operatori locali, di competenze tecniche (modo di operare) ed esperienze tali da consentire una progressiva autonomia dal TEM stesso.


Tornando al tema economico è importante comprendere che l’ingresso in un nuovo mercato è un’azione molto delicata (è bene scegliere con cura il mercato, studiarlo e definire come approcciarlo) che richiede tempo e continuità nelle azioni (sia quelle strategiche  che quelle operative). Non è corretto pensare di poter approcciare un mercato estero nella stessa maniera con cui si approccia il mercato interno. Allo stesso modo non è plausibile aspettarsi che le controparti locali (potenziali clienti, distributori, ecc.) stiano aspettando proprio noi e che quindi al primo contatto diano riscontro positivo.


Di conseguenza, non è prevedibile a priori con che tempistiche verranno avviate collaborazioni commerciali nei mercati. Come abbiamo visto sopra, solitamente un percorso di 12 mesi porta ad avere un’idea chiara sulle potenzialità del mercato ed alla ricezione dei primi ordini/campioni. Va da sé che ogni settore e prodotto ha le proprie caratteristiche e dei tempi fisiologici da rispettare.



Adesso che hai capito cos’è un Temporary Export Manager, lascia che ti spieghiamo cos’è Tem Italia.


Tem Italia è una piattaforma che rende liberamente consultabili i profili dei TEM. I Temporary Export Manager sono selezionati sulla base del curriculum e di un colloquio individuale e devono sottostare ai seguenti requisiti:

  • esperienza internazionale esperienza consolidata in uno o più settori
  • conoscenza di almeno 2 lingue
  • passione, serietà e professionalità
  • rispetto del Codice Etico di Tem Italia (che trovi in fondo a questa pagina)



Qual è la cosa interessante per te? Che l’utilizzo della piattaforma per identificare e contattare il TEM è completamente gratuito! Per cui se hai capito che il Temporary Export Manager fa al caso tuo, non esitare a sfruttare questo vantaggio ed inizia subito la ricerca del TEM perfetto per te!


TAG: temporary export manager

Vuoi contribuire al Blog?
Ti piacerebbe contribuire al nostro Blog e vedere pubblicati i tuoi articoli?
Scrivici a: info@temitalia.it
Scarica i nostri E-Book gratuiti

Per le Aziende

Per i TEM

Eventi e partnership

Lavoriamo a stretto contatto con Associazioni di Imprese ed Istituzioni

Eventi e partnership

Lavoriamo a stretto contatto con Associazioni di Imprese ed Istituzioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Sei un Tem o un Azienda? Lascia i tuoi dati per ricevere informazioni sui mercati e le novità sull’Export.

Condividi TEM ITALIA

Il successo di TEM ITALIA è proporzionale alla sua divulgazione.
Aiutaci a crescere condividendo la piattaforma sul tuo profilo Linkedin!

   
TEM ITALIA SRL
Sede operativa: via Massimo d’Azeglio 6C, 25028 Brescia
Sede legale: Vicolo della Stazione 11 25122 Brescia
CF e P.IVA 04071020988

info@temitalia.it